Ventitre minuti. Tanti ne sono bastati alla Lazio per liquidare una Roma inguardabile e far suo il derby capitolino. Ventitre minuti in cui la squadra di Inzaghi ha approfittato alla grande di due topiche clamorose della difesa giallorossa e schiantato la fragile resistenza avversaria; la zampata da predatore d’area di Ciro Immobile e il colpo da biliardo di Luis Alberto hanno firmato il 2-0 e incardinato il match sui binari di un dominio assoluto dei biancocelesti. I restanti settanta minuti si sono trasformati in una lenta agonia per la Roma che senza le parate di Pau Lopez avrebbe rimediato una sconfitta di proporzioni a dir poco umilianti. Ancora Luis Alberto a metà ripresa ha poi siglato il gol del definitivo 3-0, un risultato che rilancia alla grande le ambizioni Champions della Lazio e ridimensiona drasticamente le chance della Roma di rimanere agganciata al vertice della classifica.

La banda Inzaghi al settimo cielo: “E’ il derby della svolta”

La vittoria in un derby, soprattutto a Roma, può valere un’intera stagione. Per la Lazio straripante di ieri può rappresentare la svolta in un campionato condotto fin qui a corrente alternata. Simone Inzaghi non sta nella pelle: “Abbiamo disputato una partita perfetta, dominando dall’inizio alla fine contro un’ottima squadra. Da qui in avanti dobbiamo risalire in classifica, abbiamo perso qualche punto di troppo”. Gli fa eco Ciro Immobile, per la quarta volta a segno in una stracittadina: “Vittoria incredibile; abbiamo preparato perfettamente la gara e messo in scacco la Roma per tutti i novanta minuti”.

Grande protagonista della serata è stato Manuel Lazzari, autentica spina nel fianco della Roma sulla fascia destra: “Sapevamo di dover mettere tanta aggressività e ci siamo riusciti per tutta la partita. Questa è la terza vittoria consecutiva, ora non dobbiamo fermarci”. Parola infine al mattatore del derby, il ‘Mago’ Luis Alberto: “E’ stata una partita speciale, sono contento di aver realizzato una doppietta. Ringrazio i tifosi che ci hanno sostenuto pur non potendo entrare allo stadio”.

Giallorossi a pezzi. Fonseca incredulo: “Mai stati in partita”

Una sconfitta tanto inattesa quanto fragorosa. E proprio per questo dalle conseguenze imprevedibili. Il pesante 3-0 rimediato nel derby rischia di compromettere quanto di buono fatto fin qui dalla Roma. il tecnico dei giallorossi, Paulo Fonseca, fatica a spiegare le ragioni di un tracollo simile: “I primi due gol presi sono assurdi, inconcepibili. Manca l’esperienza per gestire questo tipo di gare e questi momenti; la Lazio ha meritato di vincere. Ora dobbiamo rimboccarci le maniche e ripartire”.

Chris Smalling, uno dei leader dello spogliatoio giallorosso, prova a scuotere i compagni: “Dobbiamo voltare pagina, non c’è tempo per piangerci addosso. Serve una reazione immediata, abbiamo due partite in casa (Coppa Italia e campionato, entrambe contro lo Spezia) e dobbiamo reagire. Ricordiamoci che, se avessimo vinto il derby, saremmo stati vicino alla vetta. È un vero peccato”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here