Serie A

La Juve si ritrova: Napoli ko 2-0, la Supercoppa è bianconera

Primo trofeo stagionale in bacheca e sconfitta di Milano definitivamente alle spalle. La Juventus, che a sorpresa ha schierato dall’inizio Cuadrado tornato negativo dalla positività al Covid, riscatta subito la pessima prova del Meazza e al Mapei di Reggio Emilia supera 2-0 il Napoli nella finale di Supercoppa italiana. Dopo un primo tempo equilibrato e combattuto, dove nell’unica vera palla gol creata Szczesny ha compiuto un miracolo sul colpo di testa ravvicinato di Lozano, nella ripresa è arrivato al minuto 64 il gol del vantaggio bianconero; il maldestro tentativo di rinviare di Bakayoko su angolo di Bernardeschi è diventato un assist al bacio per Cristiano Ronaldo che da due passi ha insaccato con una mezza girata mancina. Rabbiosa e convinta la reazione degli azzurri che a dieci minuti dalla fine hanno avuto la grande chance per andare ai supplementari: un calcio di rigore concesso dall’arbitro Valeri per un contatto McKennie-Mertens in piena area. Dal dischetto però capitan Insigne ha sprecato calciando malamente sul fondo.

In pieno recupero è poi arrivato il raddoppio bianconero grazie al diagonale vincente di Morata. Andrea Pirlo, festeggiato da tutti i suoi ragazzi, conquista così il suo primo trofeo da allenatore.

Pirlo gongola: “Questa è la Juve, ora sotto con il campionato”.

Felice e decisamente più sereno. Andrea Pirlo in colpo solo mette in bacheca il primo trofeo della stagione e ritrova, almeno nello spirito se non ancora nel gioco, la vera Juve. “Volevamo dimostrare di non essere quelli di domenica, direi che ci siamo riusciti – sottolinea il tecnico bianconero -. Quando giochiamo con questa intensità non diamo respiro agli avversari e abbiamo di più il possesso della palla”. E a chi crede che la Juve metterà da parte il campionato per concentrarsi solo sulle coppe, Pirlo replica così: “La Juventus punta a vincere tutto. Quella di ieri era una finale, una partita secca da vincere ad ogni costo. Ora l’obiettivo è recuperare in campionato a partire dalla sfida di domenica prossima contro il Bologna”.

Gattuso assolve Insigne: “Anche Maradona sbagliava i rigori”

Rino Gattuso non fa drammi. Il tecnico del Napoli accetta serenamente la sconfitta contro la Juve e assolve in pieno Lorenzo Insigne, uscito dal campo in lacrime per aver fallito il rigore del possibile 1-1: “Avremmo potuto fare qualcosa in più, ma ringrazio i miei ragazzi. Forse ci è mancato un briciolo di qualità negli ultimi trenta metri; Zielinski si è visto poco sulla trequarti, ma non era facile. La Juve – ribadisce Gattuso – è una squadra difficile da affrontare, bisogna rispettarla. Io ho fatto i complimenti ai miei ragazzi perché hanno fatto la gara che dovevano; alla fine gli episodi ci hanno penalizzato”.

Capitolo Insigne: il capitano azzurro ha vissuto come un dramma l’errore dal dischetto che avrebbe portato la gara ai supplementari. Gattuso lo assolve in pieno: “I rigori si calciano e si possono sbagliare, anche Maradona li sbagliava. Fa male vedere un giocatore piangere, lui ha la maglia del Napoli cucita addosso, ma ora bisogna ricaricare le pile”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button