Tornare alla vittoria dopo due sconfitte consecutive e riprendere il cammino solitario in vetta alla classifica. In casa Milan è forte la voglia di lasciarsi alle spalle le gare contro Atalanta e Inter; Stefano Pioli invita i suoi a concentrarsi solo sulla sfida di domani contro il Bologna e mette un punto alle polemiche scatenatesi intorno al litigio tra Ibrahimovic e Lukaku.

Com’è stata la settimana del Milan? Che avversario è il Bologna?

“Non dobbiamo guardare indietro, ma solo avanti. Pensiamo a domani e basta; il Bologna gioca un calcio intenso, servirà una grande prestazione per vincere”.

Come sta Ibra? Ha avuto un trattamento diverso da Lukaku?

“E’ dispiaciuto per l’espulsione, ma molto carico e determinato per la partita di domani. Chiariamo una cosa: quanto accaduto non è edificante e non voglio giustificarlo. Ma momenti di tensione, anche sopra le righe, possono capitare in campo. Ibra non è certamente un razzista, ora mettiamo un punto su questa vicenda. La proprietà è sempre stato in prima linea per combattere le discriminazioni”. 

E’ il momento chiave della stagione?

“Concentriamoci sulla gara, poi abbiamo due settimane pulite dove potremo recuperare qualche giocatore. Abbiamo avuto diversi infortuni e qualche Covid, bisogna ritrovare compattezza in queste due settimane; ieri abbiamo fatto un bell’allenamento e finalmente ho qualche giocatore in più”.

C’è un clima negativo intorno al Milan?

“Non dobbiamo pensare a quello che dicono all’esterno, dobbiamo solo pensare a noi, a lavorare e a migliorare. Dobbiamo mantenere il giusto equilibrio. Quello che dicono fuori ci interessa poco, bisogna pensare solo a fare bene in campo e proseguire il nostro lavoro. Sappiamo che i giudizi cambiano velocemente nel calcio”.

Come ha visto Tomori?

“Bene, ho fatto vedere buone cose. Si è presentato bene, ha buone qualità ed è anche molto intelligente e con grande voglia di imparare”. 

Come sta Diaz?

“Ha avuto un fastidio muscolare che verrà rivalutato la prossima settimana. Speriamo di riaverlo presto perchè nelle prossime settimane avremo tante partite e quindi avrò bisogno di avere a disposizione tutti i giocatori della rosa”.

Ha individuato l’11 titolare?

“Nel calcio le gerarchie possono cambiare; molto dipende dalle le assenze erano tante la squadra ha fatto risultati positivi”.

Quanto starà fuori Kjaer?

“Spero per poco. E’ un giocatore importante però se siamo primi è perchè abbiamo fatto bene anche senza di lui. Nelle prossime settimane ci saranno tante partite, quindi avrò bisogno di tutti i giocatori”. 

Cosa direbbe ad un tifoso per tranquillizzarlo dopo le due sconfitte di fila?

“La squadra c’è e abbiamo le qualità per continuare così. Gli avversari ci sono e quindi dobbiamo continuare a lavorare. Arrivare in Champions non sarà facile, ma abbiamo le qualità per raggiungere questo obiettivo”.

Come stanno Rebic e Mandzukic?

“Rebic sta migliorando e farà bene nelle prossime partite. Mandzukic ha avuto questo problema alla caviglia, ieri si è allenato e stava meglio. Se anche oggi lavorerà in gruppo allora domani potrà essere convocato”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here