Serie A

Juve in scioltezza: 2-0 a Marassi, Samp al tappeto

Andrea Pirlo inizia a vedere i frutti del suo lavoro. La Juventus sta assimilando i dettami imposti dal nuovo tecnico e i risultati si vedono. Dopo la netta sconfitta con l’Inter sono arrivate quattro vittorie consecutive condite da prestazioni sempre più convincenti;  l’ultima delle quali ieri pomeriggio a Marassi. Un secco 2-0 dei bianconeri contro la Samp in cima a novanta minuti gestiti a proprio piacimento da Ronaldo e compagni; il gol di Chiesa al 20’ e l’acuto di Ramsey al 90’ su assist del portoghese hanno suggellato una vittoria apparsa mai in discussione.

Con questi tre punti la Juventus supera la Roma al terzo posto in classifica e mantiene le distanze da Milan e Inter; il calendario non concede pause e per i bianconeri il prossimo impegno imminente si chiama Coppa Italia, con l’andata delle semifinali in programma martedì sera al Meazza nell’attesa rivincita contro i nerazzurri di Conte.

Pirlo trova il pelo nell’uovo: “Potevamo chiuderla prima”

Andrea Pirlo ha più di un motivo per sorridere. La sua Juve comincia a vincere e a convincere tanto che dopo il ko di San Siro ha inanellato quattro successi consecutivi tra campionato, Coppa Italia e Supercoppa italiana impreziositi da uno score impeccabile: dieci gol fatti e nessuno incassato, segno tangibile di una ritrovata solidità difensiva. “Abbiamo fatto una grande gara, peccato non averla chiusa nel primo tempo – sottolinea Pirlo -. Abbiamo avuto le occasioni per il 2-0 ma non le abbiamo sfruttate;  ed è ovvio che se una gara resta in bilico il rischio di prendere un gol c’è sempre. Però siamo stati bravi a non concedere nulla; la Samp, a parte il salvataggio sul tiro di Quagliarella, non ha avuto occasioni per segnare”.

Chi sta crescendo a vista d’occhio è Federico Chiesa…

“Sì, Federico ha portato energia, freschezza, fame; è giovane ede era prevedibile che arrivato in una grande squadra all’inizio avesse qualche difficoltà di adattamento. Ora si è sbloccato, lo vedo libero di testa e segnare dei gol importanti aiuta. Sono contento delle sue prestazioni”.

Ranieri non cerca scuse: “La Juve c’è stata superiore”

Claudio Ranieri non ha recriminazioni da fare. Il tecnico della Sampdoria analizza con serenità la sconfitta contro la Juve: “Ho visto i ragazzi non rinunciatari, però abbiamo perso troppi palloni in uscita e questo forse ha dato poco respiro a noi che giocavamo. Avrei voluto vedere un pizzico di determinazione in più da parte dei miei. I difensori della Juventus sono arcigni, hai tutto da imparare. I nostri attaccanti non si potevano girare che già avevano il difensore col fiato sul collo. Noi invece li abbiamo fatti girare e questo non va bene. Abbiamo perso contro una grande squadra, c’è poco da aggiungere”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button