Serie A

Coppa Italia: rivincita Juve, doppio CR7 e Inter ko 2-1

La rivincita, seppur parziale, è servita. Nel match d’andata delle semifinali di Coppa Italia, la Juventus espugna per 2-1 il Meazza e mette una seria ipoteca sulla qualificazione alla finale che si disputerà il  19 maggio prossimo all’Olimpico di Roma. Partita vibrante e combattuta quella di ieri a San Siro con la squadra di Pirlo che dalla finale di Supercoppa in poi non ha più smesso di vincere. Il vantaggio iniziale dell‘Inter con l’acuto del solito Lautaro Martinez non ha scosso più di tanto gli ospiti che hanno dapprima guadagnato campo e poi colpito grazie alla chirurgica doppietta di Cristiano Ronaldo, tornato leader e trascinatore. La reazione interista nella ripresa non si è fatta attendere, ma l’assenza di Lukaku e alcuni errori nelle rifiniture hanno permesso agli ospiti di condurre in porto una preziosissima vittoria. Tra una settimana il ritorno a Torino; alla Juve basterà un pari, l’Inter deve compiere l’Impresa con la I maiuscola.

Pirlo applaude i suoi: “Grandissima prova dei ragazzi”

E’ cambiata moltissimo la Juventus rispetto alla sfida di campionato.

“Era stato un passo a vuoto, non eravamo noi in quella partita. C’è servita da lezione, perchè da lì ci siamo ricompattati, abbiamo lavorato sugli errori e da lì sono arrivate altre vittorie. Però questa sera era il primo round, perchè è una sfida che si gioca in 180 minuti, abbiamo vinto la prima, però non è ancora fatto niente e aspettiamo il ritorno della settimana prossima”.

E’ la partita che ti dà maggiore soddisfazione dal punto di vista tattico?

“Sì, l’abbiamo preparata bene, i ragazzi erano convinti di fare questo tipo di partita, poi se gioca uno o l’altro a noi non cambia niente, la nostra mentalità deve rimanere la stessa, perchè abbiamo una rosa piena di campioni; quindi se gioca Bonucci o Demiral non deve cambiare nulla. Sono stati bravissimi, hanno affrontato sin dal primo minuto l’Inter con il giusto atteggiamento, faccio i complimenti ai ragazzi”.

Conte punzecchia la società: “Il progetto si è fermato ad agosto”

“Abbiamo fatto tutto noi con due regali enormi e la Juve ne ha approfittato – sottolinea un deluso Antonio Conte -. Per il resto c’è stata l’ennesima ottima prestazione, con tante occasioni create. Bisogna però concretizzare perché poi parliamo di un risultato negativo. I ragazzi hanno dato tutto, hanno messo alle corde della Juve; meritavamo molto, ma molto di più del risultato finale”.

Si può provare l’impresa a Torino?

“Bisognerà vincere con due gol di scarto. Non sarà una passeggiata perché c’è davanti una squadra forte. Pensiamo alla gara di Firenze poi penseremo alla sfida di martedì”.

Le voci societarie vi rendono poco sereni?

“C’è una situazione particolare, inutile nasconderlo. Eravamo partiti con un progetto che ad agosto si è fermato”.

Come sta vivendo Lukaku questi giorni complicati?

“Il ragazzo è sereno, tranquillo. Si è sempre comportato nella giusta maniera, non si permetterebbe mai di offendere nessuno. Parliamo di un ragazzo perbene, poi per quello che sta accadendo intorno secondo me bisogna essere più sereni e andare oltre”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also
Close
Back to top button