Il girone B vede come principale favorita ad arrivare prima il Belgio, il secondo posto invece sarà probabilmente una sfida fra Danimarca e Russia. Difficile invece la qualificazione agli ottavi di finale per la Finlandia, una delle nazionali meno competitive dell’Europeo 2021. Il Belgio non è solo la favorita alla vittoria del girone ma anche dell’Europeo. Insieme a Francia, Portogallo, Inghilterra, Olanda, Germania ed Italia sono ha una rosa tale da poter arrivare fino in fondo alla massima competizione europea per nazioni. In questo articolo però vogliamo parlare nello specifico della nazionale della Russia, che negli ultimi anni è stata ringiovanita in maniera evidente dal commissario tecnico Stanislav Cercesov. Soffermandoci sui convocati per l’Europeo 2021 infatti, a parte qualche eccezione (su tutti Zhirkov, Dzyuba e Kudryashow) gran parte dei giocatori sono poco più che ventenni. Fra i talenti principali della nazionale guidata dal commissario tecnico Cercesov spicca sicuramente il trequartista dell’Atalanta Aleksey Miranchuk.

I talenti della Russia: Aleksey Miranchuk

Trasferitosi lo scorso calciomercato estivo dalla Lokomotiv Mosca all’Atalanta per circa 14 milioni di euro, l’impatto del trequartista Aleksey Miranchuk con il campionato italiano non è stato semplice. Nonostante questo il nazionale russo ha disputato 24 partite realizzando anche quattro gol e fornendo due assist decisivi ai suoi compagni. A queste statistiche bisogna aggiungere tre partite in Coppa Italia e due gol e tre partite ed un gol in Champions League. Miranchuk è il tradizionale trequartista a cui piace giocare a supporto della prima punta. In nazionale ha giocato 31 partite realizzando cinque gol. Proverà a trascinare con la sua qualità la nazionale russa almeno ad una qualificazione agli ottavi di finale, traguardo alla portata dalla rappresentativa del commissario tecnico Cercesov.

Il 7 giugno 2015 debutta in amichevole nel 4-2 contro la Bielorussia, segnando anche un gol. Viene convocato per la Confederations Cup nel 2017 e per i Mondiali in Russia. Entrambe le competizioni come si sono disputate in Russia. In queste non ha avuto un ruolo di riferimento essendo sempre stato la riserva dei titolari. L’Europeo 2021 potrebbe essere l’occasione per mettersi in evidenza e trascinare la sua nazionale alla fase successiva ai gironi.

L’esperienza professionale alla Lokomotiv Mosca e all’Atalanta

La punta dell’Atalanta Aleksej Miranchuk è cresciuto nel settore giovanile della Lokomotiv Mosca diventandone anche un riferimento fino alla scorsa stagione. Nell’estate 2020 ha deciso di fare una nuova esperienza professionale trasferendosi all’Atalanta. Un passaggio non semplice considerando la differenza tecnica fra il campionato russo e quello italiano. Nonostante quello è riuscito a raccogliere molte presenze superando le trenta presenze stagionali. Considerando l’abbondanza dell’Atalanta nella trequarti offensiva, le statistiche di Miranchuk alla sua prima stagione nella squadra bergamasca sono buone.

Il palmares di Aleksej Miranchuk

In questa stagione il trequartista russo Aleksej Miranchuk non è riuscito a rimpinguare la sua bacheca di competizioni vinte con i club. L’Atalanta infatti ha perso la finale di Coppa Italia contro la Juventus. Gli unici trofei vinti quindi riguardano la sua esperienza professionale in Russia, alla Lokomotiv Mosca. Ha vinto infatti tre Coppe di Russia nelle stagioni 2014-2015, 2016-2017, 2018-2019, una Supercoppa di Russia nella stagione 2018-2019 ed un campionato russo nella stagione 2017-2018.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here