Please wait..
Please wait..
Salute e Benessere

Pressione bassa nello sport: sintomi, dopo attività fisica, sensazione di svenimento dopo lo sforzo fisico

La pressione bassa, o ipotensione, è un disturbo che affligge molte persone. Contrariamente a quanto si pensa, essa non è legata solo a questioni di età ma, al contrario, può interessare anche più giovani. Ma è possibile fare sport se si soffre di pressione bassa? La risposta è, nella maggior parte dei casi, positiva; basta, infatti, prendere alcune precauzioni e assicurarsi che questo disturbo non sia il sintomo di patologie più gravi.

Cos’è la pressione bassa

Quando i valori di misurazione della pressione sono al di sotto di una certa soglia si parla di ipotensione. Generalmente, questi valori sono inferiori a 60 mmHg per la pressione diastolica e inferiori a 90 mmHg per quella sistolica. Sono diverse le cause che possono portare ad avere pressione bassa ed è bene saperle riconoscere per evitare tutte le conseguenze a cui questo disturbo può portare.

La disidratazione è spesso la causa principale se non sono presenti altre patologie vascolari. Allo stesso modo, le alte temperature possono essere un motivo per un improvviso abbassamento della pressione.

In tutti questi casi è bene moderare l’attività sportiva, in particolare a ridosso delle giornate in cui si sono avuti i primi sintomi.

Quali sono i sintomi della pressione bassa

È possibile avvertire un improvviso senso di stanchezza nel momento in cui la pressione si abbassa di colpo. Molto probabile anche uno svenimento, che è più che altro una conseguenza della mancanza di forze. Il nostro corpo, per evitare altre complicazioni, inibisce la tensione muscolare impedendo ogni tipo di sforzo.

A tali sintomi si accompagnano di solito anche giramenti di testa e nausea; anche questi sono da considerarsi segnali di un repentino calo della pressione arteriosa, soprattutto se si verificano durante l’attività fisica.

Pressione bassa e sport: cosa fare

Spesso è proprio un eccessivo sforzo durante lo sport dopo un lungo periodo di riposo a causare un veloce abbassamento della pressione; è un segnale che il nostro corpo ci manda e che ci avverte di “rallentare il ritmo”. Tuttavia, se questi sintomi dovessero protrarsi nel tempo, è comunque possibile continuare la regolare attività fisica a patto di seguire alcune semplici regole:

  • fare una dieta corretta: è una regola alla base non solo dello sport, ma della vita in generale. Sarebbe opportuna una dieta a base di proteine e vitamine, accompagnata da zuccheri e Sali a sufficienza prima di iniziare l’attività fisica.;
  • mantenere la giusta idratazione: essenziale per mantenere i giusti livelli di pressione nel sangue. Sia prima che dopo lo sport (ma anche durante gli esercizi) bisogna cercare di bere il più possibile. Si consigliano i canonici due litri di acqua al giorno, ma soprattutto d’estate quando la sudorazione da sport è ancora maggiore, è necessario anche arrivare a tre-quattro litri;
  • evitare movimenti improvvisi durante gli esercizi: un movimento improvviso come un cambio rapido di direzione o uno sforzo eccessivo dopo un salto possono causare abbassamenti di pressione. È bene eseguire questi cambi di posizione con molta calma e senza eccedere. Meglio lasciare passare anche un minuto tra una posizione e l’altra.

 

 

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button