Viktor Kovalenko non è riuscito a farsi valere sin qui nel nostro calcio. Arrivato a Bergamo nel corso della finistra invernale di mercato, è stato frenato dai guai fisici e non ha quindi potuto mettersi in mostra come si attendevano gli osservatori. Proprio per questo motivo l’Atalanta sembra ormai intenzionata a trovargli una sistemazione in prestito, ove il centrocampista ucraino possa acquisire confidenza con il nostro calcio.

Chi è Viktor Kovalenko

Viktor Kovalenko è nato a Cherson, il 14 febbraio del 1994. Centrocampista offensivo, può giostrare sia da trequartista che in qualità di mezzala. Tra le sue doti migliori la capacità di inserirsi in attacco nel momento giusto e il grande dinamismo che ne distingue l’azione.

La sua carriera

Viktor Kovalenko ha iniziato la sua carriera nel settore giovanile dello Sachtar Donetsk, completando il percorso con l’esordio in prima squadra, avvenuto nella stagione 2014-15.
Con il passare del tempo è riuscito a ritagliarsi un ruolo sempre più importante, diventando un punto fermo dell’undici ucraino.
Dopo aver totalizzato 130 gare e 23 reti nel massimo torneo nazionale, ha quindi deciso di proseguire la sua carriera all’estero, accettnado il corteggiamento dell’Atalanta.
Giunto a Bergamo nel febbraio del 2021 è però stato vittima di una serie di infortuni, per effetto del quale ha potuto giocare soltanto una gara, quella del 21 marzo vinta contro il Verona.
Vanta anche 31 gare nella Nazionale ucraina, in cui ha fatto il suo esordio il 24 marzo del 2016, nella partita vinta con il minimo scarto contro Cipro.

Quanto guadagna Viktor Kovalenko?

Viktor Kovalenko guadagna quasi due milioni di euro netti all’anno. Uno stipendio quindi molto elevato, frutto del fatto che per averlo l’Atalanta ha dovuto pagare appena un milione per il cartellino, essendo il giocatore ormai in scadenza con la sua vecchia squadra.

La sua vita privata

Viktor Kovalenko è fidanzato con la connazionale Anastasiia Mantach. Si tratta di una manager operante nel settore della moda che ha accompagnato il giocatore nella sua avventura in Italia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here