Bryan Reynolds è in una fase molto delicata della sua carriera. Arrivato a sorpresa a Roma durante il passato mercato invernale con referenze da grande promessa, si è trovato in grande difficoltà nell’impatto con un calcio diverso come quello italiano. Destando non poche perplessità negli addetti ai lavori e nella tifoseria, che si attendevano un giocatore più pronto. Ora deve crescere in termini di rendimento, ma la Roma non può attenderlo all’infinito. Per questo si continua a parlare di un suo prestito, teso a favorirne la maturazione.

Chi è Bryan Reynolds

Bryan Reynolds è nato a Fort Worth, negli Stati Uniti, il 28 giugno del 2001. Difensore laterale dotato di fisico e attitudine alla corsa, privilegia la fase offensiva a quella difensiva. Anche per effetto della sua originaria collocazione da ala è in grado di chiudere le progressioni sulla fascia con cross radenti o provando personalmente la conclusione. Deve però crescere in fase di ripiegamento.

La sua carriera

Bryan Reynolds è cresciuto nel settore giovanile dell’F.C. Dallas, con cui ha esordito nella MLS, la principale divisione del football a stelle e strisce nella stagione 2019. Prestato al North Texas nella stagione successiva, è tornato alla base nell’estate del 2021, trovando un posto da titolare.
Nel gennaio del 2021 la Roma ha ingaggiato un vero e proprio duello con la Juventus per averlo, strappandolo ai rivali per 7 milioni di euro. Ha fatto il suo esordio in Serie A il 14 marzo successivo, nella gara persa dai giallorossi al Tardini di Parma, per 2-0.
Vanta anche una presenza nella Nazionale statunitense, in cui ha debuttato il 28 marzo di quest’anno, nella gara vinta contro l’Irlanda del Nord per 2-1.

Quanto guadagna Bryan Reynolds?

Il giocatore romanista guadagna 700mila euro netti all’anno. Il contratto è stato sottoscritto nel gennaio del 2021 e ha validità quadriennale. La sua scadenza è quindi prevista per il 30 giugno del 2025.

La sua vita privata

Sulla vita privata del laterale statunitense non si hanno al momento notizie di alcun genere. Un dato abbastanza logico alla luce non solo della giovanissima età, ma anche della sua necessità di concentrarsi al momento sulla vita professionale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here