Serie A

Chi è Pietro Ceccaroni? Età, stipendio, carriera, patrimonio, vita privata

Pietro Ceccaroni è uno dei tanti esordienti in massima serie del Venezia. Il difensore ligure ha infatti praticato una lunga gavetta, al termine della quale si è improvvisamente ritrovato catapultato in quel calcio dei grandi a lungo sognato. In cui dovrà ora dimostrare di poter reggere il confronto.

Chi è Pietro Ceccaroni

Pietro Ceccaroni è nato a Sarzana, il 7 gennaio del 1995. Difensore ben strutturato da un punto di vista fisico, è anche dotato di una una buona tecnica di base, tale da consentirgli di partecipare alla costruzione del gioco. Capace di scegliere il tempo ideale per l’intervento, si fa valere inoltre sui palloni alti, proprio in virtù della notevole altezza.

La sua carriera

Pietro Ceccaroni ha iniziato nelle giovanili dello Spezia, facendo il suo ingresso in prima squadra nella stagione 2013-14, senza però riuscire a fare il suo esordio, rimandato quindi a quella successiva.
Nell’estate del 2015 è quindi stato ceduto in prestito alla SPAL, ove è riuscito a trovare un impiego più continuo, prima di tornare alla base. Dove ha giocato 31 gare, prima di essere ceduto, stavolta in via definitiva, al Padova.
Nel 2019 si è quindi trasferito al Venezia, ove ha trovato l’ambiente ideale per la definitiva maturazione. Coi lagunari è infatti diventato il perno del reparto difensivo, fornendo un apporto elevatissimo alla promozione dei veneti in Serie A. Ove ha esordito il passato 22 agosto, nella gara persa contro il Napoli con il punteggio di 2-0.

Quanto guadagna Pietro Ceccaroni?

Pietro Ceccaroni guadagna poco meno di 35mila euro netti a stagione. Uno stipendio quindi estremamente contenuto e che potrebbe essere ritoccato nei prossimi mesi, proprio in considerazione della sua crescita tecnica .

La sua vita privata

Sulla vita privata di Pietro Ceccaroni non è stato possibile reperire notizie. Resta da capire se sia una scelta tesa a preservare la privacy o se invece il giocatore abbia deciso di privilegiare al momento quella professionale, evitando distrazioni.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button