Si parla, proprio in questi giorni, di un interesse del Napoli verso il portiere belga Simon Mignolet. L’estremo difensore ha dato prova,in questi anni, di offrire un’estrema sicurezza e affidabilità a tutto il reparto arretrato, risultando sempre uno dei migliori in campo grazie alle sue prestazioni di altissimo livello. Portiere estremamente reattivo, il belga è molto abile nelle prese basse e soprattutto nelle uscite. Nell’uno contro uno, riesce sempre a intuire le intenzioni dell’attaccante, risultando molto spesso decisivo con parate determinanti. La compagine partenopea lo vorrebbe in squadra proprio per la sua grande esperienza internazionale e per il grande carisma grazie al quale riesce ad organizzare la difesa.

Simon Mignolet, chi è

Simon Mignolet nasce a Saint Truiden, il 6 Marzo del 1988. Cresce nelle giovanili della squadra della sua città, dove viene notato per le grandi potenzialità. Estremamente abile nel parare i rigori delle squadre avversarie, Mignolet viene promosso dal settore giovanile alla squadra direttamente come titolare. Una scelta, da parte dell’allenatore, che si rivelerà particolarmente efficace. Il Saint Truiden,com Mignolet in porta, riesce a ottenere la promozione nella prima divisione belga. Il giovane gioca circa 29 partite e , per le sue straordinarie parate, risulta essere uno dei migliori giocatori della serie cadetta. Le sue qualità e abilità avranno la piena consacrazione nella stagione successiva, nel 2008, quando il portiere verrà premiato come giovane più interessante della prima lega belga. Le sue prestazioni in campo vengono notate dai grandi top club europei e, nel 2010, passa in Premier League , al Sunderland. Anche in Inghilterra, Mignolet si fa notare per i suoi interventi, davvero prodigiosi. Il Liverpool lo acquista nel 2013 per circa 9 milioni di sterline.

La carriera

Nei Reds verrà promosso immediatamente titolare per la partenza del portiere Pepe Reina , destinazione Napoli. Grazie alle sue doti, gioca tutte le partite del campionato, risultando molto spesso decisivo nelle vittorie del Liverpool. Quell’anno il portiere belga darà il suo determinante contributo nella conquista del secondo posto, dopo essere stati per lungo tempo primi in classifica. Ormai l’estremo difensore, complice la sua straordinaria tenacia, è considerato uno dei migliori portieri europei,  e il suo esordio in Champions League avviene nella partita vinta contro il Ludogorets. Con l’ arrivo di Jurgen Klopp in panchina, Mignolet viene confermato titolare. La sua estrema sicurezza si avverte anche in campo e i compagni della difesa si fidano delle direttive del proprio portiere. Nel 2016 raggiunge le 300 presenze ufficiali in Premier League.

Il ritorno in patria

Il portiere torna in belgio dopo circa sei stagioni trascorsi tra le fila del Liverpool. Il Bruges, infatti, lo convince a trasferirsi e a tornare a casa. Con la maglia del Club Bruges, Mignolet risulta essere uno dei più presenti, ed è titolare inamovibile. Beniamino dei tifosi di casa, il portiere si mostra anche molto abile con i piedi, non disdegnando una serie di dribbling per “scartare” gli avversari di turno. Queste gesta, compiute in area di rigore, sono molto pericolose, ma vengono apprezzate moltissimo dai tifosi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here