In molti hanno ironizzato sulla sua somiglianza con l’ex 5 stelle Luigi Di Maio, ma l’attaccante del Bari non ha mai posto attenzione a queste battute, concentrandosi di più sul giocare buone partite.

Recentemente ha portato i galletti biancorossi alla vittoria, rifilando una notevole tripletta al Verona. E nelle partite successive, si sta riconfermando un astro in ascesa nel firmamento del mondo del calcio. Siamo alla presenza di un nuovo fenomeno, pronto a lanciarsi in esperienze con team ancora più blasonati? Per scoprirlo, andiamo a vedere qualcosa di più su di lui.

Scopriamo chi è Walid Cheddira

Il nome non mente: Walid ha origini straniere, nello specifico marocchine, eppure è stato accolto dai tifosi del Bari con affetto, tanto che lo hanno soprannominato simpaticamente “Ualino” (unione del suo nome con Pasqualino).

In arabo però Walid significa “figlio” o “neonato”.

Tuttavia il giovane attaccante ha natali italiani: è nato a Loreto il 22 gennaio del 1998 ed ha quindi 24 anni.

Proprio col Loreto inizia a giocare a calcio nel 2015, per poi passare alla Sangiustese, dove segna 19 gol nell’arco di due stagioni.

Il Parma lo nota e decide di acquistarlo, eppure Cheddira non è destinato a vestire quella maglia:  infatti, nelle successive stagioni va in prestito da un team all’altro, militando per l’Arezzo, Lecco, Mantova ed infine Bari.

Il ruolo di attaccante

Walid Cheddira ha molto talento nel dribbling ed è veloce e preciso coi tiri; è alto 1 metro e 87 e ha un buon fisico piazzato.

Suo padre Aziz era a sua volta calciatore: il giocatore si era distinto in Marocco, per poi trasferirsi in Italia. Durante le partite del Bari, suo padre lo segue sempre dagli spalti e fa il tifo per lui.

Walid prometteva bene già dal suo esordio, ma col Bari ha preso velocità pian piano. Coi il team raggiunge la promozione in Serie B, ma è pur sempre in prestito Parma, perciò il ds Polito agisce prontamente.

La società lo acquista per circa 350mila euro, con grande gioia dello stesso giocatore, il quale chiosa tramite social: “Sentirmi chiamare Ualino da voi mi ha fatto sentire così a casa che ho deciso di rimanere a Bari ancora per un bel po’. Siete pronti? Si riparte!”.

Le sue gesta col Bari

Nonostante la giovane età, recentemente Walid sta spiccando con le sue gesta nel team dei galletti, al quale è arrivato in prestito dal Parma appena l’anno scorso.

A muovere questo prestito sono state le sue ottime performance: nello scorso campionato in Serie C, ha collezionato 39 presenze e 7 gol, risultando determinante per la promozione.

Forte di ottimi risultati, la squadra pugliese sembra volerselo tenere stretto; dopo la vittoria col Verona, trionfante il presidente De Laurentis ha dichiarato: “Spero che questa tripletta sia la prima di una lunga serie. Nonostante ciò, passa in secondo piano perché era più importante vincere. Abbiamo mostrato quello che possiamo fare“.

Il contratto firmato da Walid col Bari dura fino alla fine di giugno 2025: vedremo di cosa è capace.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here