Dopo la sconfitta contro il Marocco ai mondiali, il Portogallo ha deciso di voltare pagina e di cambiare allenatore. La formazione portoghese era una delle candidate alla vittoria finale, ma la sconfitta contro la formazione africana ha destato molta amarezza tra i tifosi , che hanno chiesto a gran voce un definitivo avvicendamento in panchina. Tutto questo perchè la selezione portoghese è sempre stata ricca di talenti che non hanno mai avuto la possibilità di vincere un titolo mondiale. L’ unico trofeo conquistato è stato solo un europeo, nel 2016, dopo aver perso il torneo continentale organizzato sul proprio territorio, nel 2004, a favore della Grecia. Ora la federazione vuole un definitivo cambio di marcia e per realizzare i propri progetti di gloria si era pensato anche a Josè Mourinho e ad un  suo ruolo part-time, in quanto avrebbe continuato ad allenare la Roma. Lo “special one”, anche se lusingato dalla proposta, ha dovuto declinare l’ offerta e concentrarsi completamente sul suo club. La scelta è ricaduta quindi su Roberto Martinez e, a sentire le sue dichiarazioni, il Portogallo avrà finalmente una formazione in grado di competere sino all’ ultimo nelle massime competizioni europee e mondiali.

Roberto Martinez, la carriera

In realtà , Roberto Martinez non è nuovo ad allenare le nazionali europee. Infatti per ben sei anni è stato l’ allenatore del Belgio. I “diavoli rossi”, negli anni in cui l’ allenatore spagnolo ha occupato la panchina lusitana, hanno scalato posizioni su posizioni e, ad oggi, occupano un posto rilevante nel ranking FIFA grazie al grande lavoro del tecnico. Sotto i dettami tattici di Martinez, infatti, il Belgio è arrivato ad occupare anche il primo posto nella classifica mondiale FIFA per nazioni, attraverso un gioco spumeggiante che ha messo in risalto il grande talento dei vari elementi in squadra. Uomo di campo e senza fronzoli, Martinez ha dichiarato recentemente che non vuole una rivoluzione all’ interno della compagine portoghese, in quanto già ricca di talenti. Cristiano Ronaldo è stato uno degli argomenti principali e Martinez ha ribadito la sua totale apertura nei confronti del campione portoghese, importantissimo ai fini della leadership nello spogliatoio. Il tecnico si è tuffato con entusiasmo in questo nuova avventura, dichiarando apertamente che il prossimo europeo sarà uno delle competizioni in cui il Portogallo dovrà essere protagonista sino in fondo, magari con la vittoria finale.

Roberto Martinez, biografia

Roberto Martinez nasce a Balaguer, il 13 luglio 1973. Il suo nome è legato soprattutto alla grande vittoria in FA Cup, competizione che riesce a vincere clamorosamente con il Wigan. Questo trofeo è stato il primo della compagine inglese, che riuscirà nell’ impresa di trionfare battendo in finale il Manchester City per 1-0. Un risultato clamoroso che sancirà l’ esonero di Roberto Mancini. Ma è con la selezione della nazionale Belga che il nome di Roberto Martinez viene conosciuto in maniera interplanetaria, in quanto con i “diavoli rossi” ottiene un prestigioso terzo posto ai mondiali nel 2018. Il Belgio viene eliminato, agli europei del 2020, dall’ Italia e ai mondiali in Qatar non passa il primo turno nel suo girone. Questo risultato ha convinto il tecnico alle dimissioni e il la federazione portoghese ha deciso di ripartire da lui per ambire a risultati prestigiosi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here